Skip to product information
1 of 1

KRBookStore

Le streghe di New York Volumi 1-3

Le streghe di New York Volumi 1-3

Regular price $18.43 CAD
Regular price $26.34 CAD Sale price $18.43 CAD
Sale Sold out
Shipping calculated at checkout.

⭐⭐⭐⭐⭐ 2.109+recensioni a 5 stelle in tutto il mondo

  • Acquista l’e-book all'istante
  • Ricevi il link per il download via e-mail
  • Invia il file al tuo dispositivo preferito per la lettura e goditelo!

30% DI SCONTO!

Questo cofanetto contiene gli eBook da 1 a 3 della serie Le streghe di New York dell'autrice bestseller di USA Today Kim Richardson.

Le Streghe di New York ti farà impazzire se ti piacciono:

✔️ streghe e magia

✔️ un capo della città scontroso e sexy

✔️ i misteri di una piccola città

✔️ un cast di personaggi stravaganti

✔️ narrativa paranormale al femminile

✔️ storie d'amore a fuoco lento

✔️ una sana dose di umorismo tagliente


Trovare mio marito a letto con un'altra donna non era il modo in cui avevo programmato di iniziare la mia giornata.

Né perdendo la casa il minuto successivo. E al verde.

Così, quando mi arriva un lavoro dal Twilight Hotel, un hotel paranormale nel centro di Manhattan che funge da rifugio e residenza, lo accetto.

Valen, il proprietario del ristorante, tatuato, sexy come il peccato e scorbutico, non sopporta i drammi e le donne esigenti. Il problema? È crudele e pericoloso.

E nasconde qualcosa.

Si vocifera di un incantesimo oscuro che comporterebbe la chiusura dell'hotel e io non so di chi fidarmi. Ho le carte in regola per combattere questo nuovo male? Vedremo. Il gioco è iniziato.

Preparatevi. Sarà un viaggio movimentato.

La strega stellare è perfetto per i fan dell'urban fantasy, del mistero, del romanticismo e dell'umorismo. Preparati a questa avventura magica che ti farà battere il cuore e ridere a crepapelle!

*Questa offerta non è disponibile altrove.

Acquista DIRETTAMENTE dall'autrice bestseller di USA Today Kim Richardson e risparmia!

LIBRI INCLUSI NEL COFANETTO:

📕La strega stellare

📕Il gioco delle streghe

📕Racconti di una strega

 

Gli ebook vengono consegnati in formato digitale tramite BookFunnel. I libri elettronici possono essere letti su Kindle, Kobo, Nook, Play Books, Apple e sulla maggior parte dei lettori Android.

 

Sinossi

Trovare mio marito a letto con un'altra donna non era il modo in cui avevo programmato di iniziare la mia giornata.

Né perdendo la casa il minuto successivo. E al verde.

Così, quando mi arriva un lavoro dal Twilight Hotel, un hotel paranormale nel centro di Manhattan che funge da rifugio e residenza, lo accetto.

Valen, il proprietario del ristorante, tatuato, sexy come il peccato e scorbutico, non sopporta i drammi e le donne esigenti. Il problema? È crudele e pericoloso.

E nasconde qualcosa.

Si vocifera di un incantesimo oscuro che comporterebbe la chiusura dell'hotel e io non so di chi fidarmi. Ho le carte in regola per combattere questo nuovo male? Vedremo. Il gioco è iniziato.

Preparatevi. Sarà un viaggio movimentato.

 

 

La strega stellare è perfetto per i fan dell'urban fantasy, del mistero, del romanticismo e dell'umorismo. Preparati a questa avventura magica che ti farà battere il cuore e ridere a crepapelle!

Guarda ilcapitolo 1

Rimasi sulla porta a fissare il corpo nudo di mio marito con la sua virilità prominente e dura. La bella brunetta voluttuosa che gli era scesa di dosso aveva il volto segnato dal senso di colpa, come se fosse stata sorpresa a rubare ai senzatetto. Con le sue guance piene e la sua pelle impeccabile, sembrava avere vent'anni, circa la metà di me, con un seno vivace e un corpo sodo. Non aveva nemmeno tracce di cellulite, ma non c’era da preoccuparsi. Sarebbe arrivata.

"Leana? Cosa? Cosa ci fai qui? Sei tornata presto", balbettò mio marito. Si coprì il pene con le lenzuola di cotone egiziano, quelle che avevo comprato io, non che avesse importanza. E come se non avessi visto il suo piccolo bastone per quindici anni. Non era un granché, solo un corpo allampanato, una testa calva e una strisciante pancia da birra.

Eppure nessuna di queste cose avrebbe avuto importanza se lui fosse stato gentile.

Ci eravamo sposati giovani, entrambi ventenni, e il nostro matrimonio non era mai stato perfetto. Fin dall'inizio avevo visto i segni del suo temperamento e dei suoi modi narcisistici, ma avevo scelto di ignorarli, pensando che fosse quello che facevano le brave mogli. Bisogna tenere duro, giusto?

Gli ultimi due anni erano stati difficili e quello appena trascorso era stato un errore totale. Avrei dovuto smettere anni fa, ma ero stata pigra. Una parte di me aveva paura di ritrovarsi di nuovo single a quarantuno anni, dopo tutti quegli anni passati con qualcuno, anche se quel qualcuno era del tutto sbagliato per me.

Ma ora basta.

Ero stata fedele. Per lo meno, Martin avrebbe potuto fare lo stesso finché non avessimo dichiarato entrambi la fine ufficiale della storia.

Nell'ultimo anno avevo avuto il sospetto che mi tradisse: telefonava a tarda ora, usciva dalla stanza per parlare al telefono con il suo cosiddetto capo, rimaneva in ufficio fino a notte fonda, non tornava a casa fino al mattino presto.

Non potevo incolpare solo lui per il fallimento del matrimonio. Prima di tutto, lui era umano. Io ero una strega. Questo avrebbe dovuto essere il mio campanello d'allarme fin dall'inizio. Non potevo essere totalmente onesta con lui su chi fossi. Non avrebbe mai potuto capire me o il mondo paranormale in cui lavoravo. Senza onestà, il matrimonio era destinato a fallire fin dall'inizio, e la colpa era mia.

Tuttavia fu divertente vederlo agitarsi un po'.

Incrociai le braccia sul petto, facendo finta di niente. "Quindi è questa la ragazzina che ti scopi?".

La bruna fece una smorfia. "Non sono una ragazzina. Ho ventitré anni".

Alzai le sopracciglia. "Una risposta da ragazzina".

"Sei una puttana", scattò la brunetta nuda. "Non sei nemmeno così bella. Sei tutta vecchia e cadente. Probabilmente puzzi. Tutti sanno che i vecchi puzzano".

"Stai zitta, Crystal", sibilò mio marito. I suoi occhi verdi incontrarono i miei e lui emise un sospiro. "Non facciamo sesso da più di un anno. Cosa ti aspettavi? Gli uomini hanno dei bisogni".

Sbuffai. "Davvero? Vuoi cercare di dare la colpa a me per il tuo tradimento?”. Scoppiai in una risata che non riuscii a trattenere. E una volta iniziato, non riuscii a fermarmi. Tutte le emozioni dell’ultimo anno e degli anni precedenti cominciarono a sgorgare da me, finché non mi aggrappai allo stipite della porta per sostenermi.

“Cosa c’è da ridere?”, ringhiò il mio futuro ex marito.

Mi asciugai gli occhi. “Tu. Questo. Tutta questa storia è come uno scherzo di cattivo gusto. O è un bello scherzo? Non lo so nemmeno io”. Guardai la brunetta, che teneva volutamente il corpo scoperto con uno sguardo di sfida.

Lei poteva avere un portamento migliore e più giovane del mio, ma questo non era nulla rispetto alla saggezza costruita dalle mie esperienze di vita.

“Spero che ti piaccia pulire, fare il bucato e cucinare”, le dissi. “Non aspettarti nemmeno che alzi un dito. Potrebbe farlo per i primi mesi, ma poi smetterà. Poi si arrabbierà con te se gli chiederai aiuto. Psicologia inversa al massimo livello. Meglio che ti prepari".

Crystal mi fece un sorriso insolente. "Non faccio la casalinga".

Feci una breve risata. "Buona fortuna. Forse dovresti iniziare a cercare il tuo ciuccio".

"Sei sempre stata una grande stronza", disse mio marito. Si appoggiò allo schienale, lasciando il lenzuolo al suo posto e offrendoci di nuovo la vista del suo bastoncino maschile. "Hai sempre pensato di essere migliore di me. Non c'è da stupirsi che io abbia cercato altrove. E sei ingrassata".

Il mio sorriso cadde quando Crystal fece una finta risata. "È quello che succede quando si è vecchi", disse la sgualdrina nel mio letto.

Quarantuno anni non erano tanti, per nessuno standard. Anzi, mi sentivo come se avessi finalmente capito chi ero e cosa volevo dalla mia vita. Per la prima volta mi sentivo a mio agio nella mia pelle, conoscevo tutti i miei difetti e li accettavo.

Dopo molti anni di duro lavoro e dedizione al mio mestiere, stavo finalmente diventando una signora strega, sfruttando la mia magia e comprendendola. Ma la mia magia non era collegata alla magia elementale della Terra come le streghe bianche, né incanalavo il potere prendendolo in prestito dai demoni, come accadeva per la maggior parte delle streghe oscure. No, il mio potere risiedeva altrove. Certo, era più potente di notte, il che non era tipico delle streghe. Ma questo non significava che non potessi attingervi ora.

Sarebbe stato debole. Ma ne bastava poco.

Non avevo mai detto a Martin cosa fossi. Non ne aveva idea. Non avevo mai avuto motivo di farlo. Non fino a quel momento.

"Sai, Martin", dissi sorridendo. "Non te l'ho mai detto, ma sono una strega". Attinsi alla mia volontà e incanalai l'energia che andava ben oltre i confini della terra. Era debole, ma sentii un nastro di potere che si agitava nel mio cuore. Lo trattenni lì.

Sia Martin che Crystal si misero a ridere, come previsto.

"E come umani, non potete vedere la magia, così come non potete vedere il paranormale che vi circonda".

"È una fottuta pazza". Martin rise più forte e Crystal si unì a lui.

"Vorrei darvi questo regalo d'addio", dissi loro dopo che le loro risate si erano placate.

Martin mi guardò con evidente divertimento. "Cosa?"

Sfiorai un dito e una striscia di luce bianca brillante scaturì dalla mia mano e attraversò la stanza per librarsi sopra il suo pene.

Imitai il suo sorriso, diressi la mia magia e dissi: "Questo...".

Mio marito emise un gemito femmineo di dolore e terrore mentre fissava il suo pene, con la punta piegata a novanta gradi come una candela rotta. Ops.

Crystal volò giù dal letto come se pensasse che il suo pene rotto fosse contagioso, spalancando gli occhi e andando a sbattere contro il muro.

Mentre i lamenti aumentavano di tono, mi diressi verso la cabina armadio, presi il mio bagaglio a mano, lo riempii di quanti più vestiti possibile e uscii.

"Che cosa mi hai fatto? Stronza pazza! Fottuta puttana!", ululò mio marito.

Quando raggiunsi la porta della camera da letto, mi girai e vidi mio marito con la faccia rossa e le lacrime che gli scendevano sulle guance. Aveva un bell'aspetto.

Imitai una pistola con le dita. "Continua così. Cosa? Troppo presto?" Non riuscii a trattenermi. Se l'era cercata.

"Puttana", ansimò, le lacrime gli scorrevano liberamente sul viso mentre fissava il suo amichetto, che era quasi raddoppiato di dimensioni e aveva assunto un colore viola, come una melanzana. Doveva succedere? Chi lo sa.

"Gli ha rotto il pene!", gridò Crystal a qualcuno all'altro capo del cellulare. "È una strega! E l'ha rotto!".

Già, nessuno ci avrebbe creduto. La parte della strega, intendo.

Riportai l'attenzione su mio marito. "Consideralo un divorzio".

"Sei morta!", ululò mentre uscivo e lasciavo l'appartamento. Forse avevo esagerato. Evocare la magia davanti agli umani era proibito. Ma ormai era troppo tardi. Inoltre, dubitavo che qualcuno gli avrebbe creduto se avesse spifferato tutto.

Uno strano peso si sollevò dalle mie spalle quando raggiunsi Greenwich Avenue e svoltai verso nord, con l'aria fresca di settembre che mi calmava le guance accaldate. Lo stomaco brontolava, ricordandomi che avevo dimenticato di cenare. Dopo gli eventi dell'ultima ora, la cena poteva aspettare, ma il vino no. Avevo bisogno di un bicchiere di vino.

Non provai alcun dispiacere e nemmeno rimpianto. Era un brutto segno? Ero malvagia? Forse. Ma mi aveva fatta arrabbiare.

"Dio, perché non l'ho fatto tanto tempo fa?".

Mi fermai all'angolo della strada, in attesa del semaforo pedonale, e tirai fuori dalla tasca la lettera che avevo ricevuto quella mattina per raccomandata. L'avevo letta una dozzina di volte, ma volevo rileggerla. Solo per assicurarmi che non stessi per rendermi ridicola. I miei occhi scorrevano sulla lettera mentre leggevo.

 

Gentile Leana Fairchild,

Sono lieto di proporle un’offerta di lavoro per conto del Twilight Hotel. Per confermare ufficialmente che accetta questa offerta, o se desidera maggiori dettagli, la prego di presentarsi al numero 444 della 5th Avenue entro e non oltre le ore 19.00.

Non vediamo l’ora di darle il benvenuto a bordo.

Cordiali saluti,

Basil Hickinbottom

Direttore

 

Ricevere offerte di lavoro non era insolito. Ero una Merlino e lo ero da dieci anni. Il Gruppo Merlino era l’acronimo di Intelligence della Lega di Risposta Magica. Eravamo la polizia magica, se vogliamo, come l'FBI.

Avevo sempre detto a Martin che facevo il turno di notte al McGillis Pub, il locale del Greenwich Village. Non aveva mai sospettato nulla di strano. Naturalmente, questo perché non gliene poteva importare di meno.

Avevo sentito parlare del Twilight Hotel. Diavolo, ogni paranormale, strega, lupo mannaro, mutaforma o fata, conosceva quell'albergo. Ma ricevere un'offerta di lavoro da loro era insolito. Non avevo mai lavorato per loro. Mai. E non conoscevo nemmeno nessuno che ci avesse lavorato. Da quello che sapevo, erano riservati e non amavano assumere, il che spiegava la montagna di curiosità che provai nel ricevere questa offerta di lavoro.

Controllai il telefono: 18:15. "C'è ancora tempo".

Infilai di nuovo la lettera in tasca, sollevai la borsa sulla spalla e proseguii.

La mia pressione sanguigna salì per l'eccitazione. L'episodio del pene rotto di Martin era stato dimenticato perché nel mio cervello c'era spazio per un solo pensiero. Ogni strega assunta sapeva che il Twilight Hotel pagava bene. Forse potevo finalmente permettermi una macchina. Non sarebbe stato bello?

Forse le cose stavano finalmente migliorando per me.

La mia faccia sbatté contro un muro.

Una parete che profumava di muschio e spezie. Era un odore piacevole. Feci un passo indietro e sbattei le palpebre sul volto di un bell'uomo dalla mascella squadrata e dal naso dritto, il proprietario del torace maschile che avevo appena assalito con la mia faccia. I capelli scuri e ondulati gli sfioravano le spalle larghe, ingrigendosi alle tempie, il che lo rendeva ancora più attraente. Era alto, del tipo che dovevi inclinare la testa all'indietro per poterlo ammirare. Ed era una bella vista.

Era sexy. E sembrava che avesse bisogno di un bicchiere di vino più di me.

I suoi occhi erano scuri e bruciavano con un'intensità che mi fece agitare le viscere. In un certo senso mi piaceva anche.

Nemmeno lui era umano. Questo era chiaro dall'energia paranormale che emanava. Grande e forte com'era, non c'era dubbio che questo uomo-bestia fosse un mannaro. Avrei scommesso su un lupo mannaro.

"Guarda dove vai", ringhiò, praticamente urlò, fissandomi come se fossi la persona più odiata di tutta New York.

Non era più così sexy.

Strinsi gli occhi. "Lo farei se non occupassi così tanto spazio, Mister Muro". Era costruito come un camion, ed era quello che avevo sentito sbattendo la faccia sul suo petto, e forse vent'anni prima avrei abbassato la testa e me ne sarei andata. Ma non lo feci. La vita mi aveva resa dura.

E oggi avevo rotto un pene. Forza!

Lo sconosciuto mi guardò, evidentemente non abituato a essere sfidato. Per come era fatto, ero certa che nessuno avesse mai risposto. Probabilmente gli altri si rannicchiavano. "La strada non ti appartiene", ringhiò.

"Non appartiene nemmeno a te". Se voleva delle scuse, avrebbe aspettato un po'. Avevo smesso di scusarmi.

L'uomo-bestia mi guardò ancora per un attimo. "Tu sei venuta addosso a me. Non stavi facendo attenzione a dove andavi".

"Allora avresti dovuto spostarti". Potevo andare avanti tutta la notte. Beh, non proprio. Dovevo andarmene se volevo quel lavoro. "E perché non l'hai fatto? Se mi hai vista arrivare, la cosa più galante da fare sarebbe stata farsi da parte".

Le sue narici si riempirono di rabbia. "Perché dovrei spostarmi per te?". Lo disse come se il solo fatto che fosse lì significasse qualcosa per me, come se fosse qualcuno che avrei dovuto conoscere, qualcuno di grande importanza.

Per quanto ne sapevo, era un uomo-bestia scortese e sexy. Tutto qui.

"È chiaro che stamattina hai lasciato a casa le buone maniere", gli dissi. Mi rifiutai di fissare le sue labbra piene e sensuali. Troppo tardi. Le stavo guardando. Accidenti. Quelle labbra erano davvero sexy e accompagnavano il resto del suo corpo sexy.

"Vai sempre in giro con la testa tra le nuvole? È così che si viene uccisi. È così che si viene investiti da un'auto".

Aggrottai le sopracciglia. "Non è un tuo problema. Giusto?" Allora perché era ancora qui? Perché non si allontanava da me?

Lo sconosciuto mi osservò, con uno sguardo intenso. "Non dovresti camminare qui intorno se non sai dove stai andando".

Sbuffai. "Già. Non mi serve il tuo permesso, amico. Sono in ritardo per un colloquio. Togliti di mezzo, Muro".

La confusione balenò in quegli occhi dannatamente belli. Sbatté le palpebre e si allontanò. Il mio sguardo, muovendosi di propria volontà, seguì il suo bel passo fino a quando non scomparve tra una moltitudine di umani che si aggiravano per le strade di Manhattan. Nessuno aveva idea che un lupo mannaro camminasse in mezzo a loro, un lupo caldo e scontroso. Tuttavia, notai come gli umani si allontanavano da lui. Non avevano idea di cosa fosse, ma anche loro potevano percepire l'energia feroce, selvaggia e autoritaria che emanava. Aveva un'aria da alfa. E speravo di non vederlo mai più. La prossima volta, forse, non sarei stata così educata.

Emisi un lungo sospiro e ripresi a muovermi, con l'irritazione che mi attraversava. Il mio corpo bruciava, come se avessi avuto un'improvvisa vampata di calore. Non era esattamente il modo composto e professionale con cui volevo presentarmi al colloquio. Probabilmente avevo la faccia rossa. Avrei dato l'impressione di essere nervosa, e lo ero, ma non volevo che la direzione lo sapesse.

Al diavolo il licantropo sexy e il suo culo sexy.

Appena attraversata la trentanovesima strada est, feci ancora qualche passo e mi trovai di fronte al numero 444 della Fifth Avenue.

L'ampia facciata in pietra calcarea era ornata di rifiniture in arenaria e il progetto comprendeva tetti articolati con abbaini, pennacchi in terracotta, nicchie, balconi e ringhiere. Aveva un'atmosfera gotica, come quella in cui avrebbe vissuto Dracula, e mi piaceva molto. Sopra le doppie porte di vetro c'erano grandi lettere bianche luminose che recitavano: TWILIGHT HOTEL. L'ingresso principale aveva un arco a doppia altezza sulla Quinta Strada. Era una bestia gloriosa, in tutti e tredici i suoi piani.

Un tenue luccichio ricadeva sull'edificio in uno scintillante spettro di colori. Riconobbi l’incantesimo che aveva lo scopo di impedire a qualsiasi umano errante di pensare di poter prendere una stanza. Per loro, l'edificio sarebbe probabilmente apparso come un edificio fatiscente e abbandonato o come un palazzo in costruzione, qualsiasi cosa per farli andare avanti e dimenticare in fretta.

Il cuore mi batteva contro il petto, come un ragazzino che entra per la prima volta al liceo. Mi asciugai i palmi sudati sui jeans prima di raggiungere la maniglia.

Mi resi conto che non avevo un posto dove stare né quella notte né le notti successive. In pratica, ero una senzatetto. Tutto ciò che avevo era la borsa sulla spalla. Mi sarei inventata qualcosa. Lo facevo sempre. Inoltre, le cose non andavano poi così male.

"Oggi ho rotto un pene", mormorai, orgogliosa di me stessa. "Non c'è niente di meglio".

O almeno così pensavo.

Con il fiato sospeso, aprii la porta ed entrai.

 

View full details